Interviste a esperti

PNRR e Cybersecurity nella Sanità

PNRR e Cybersecurity nella Sanità

Oggi i nuovi progetti che partono con i fondi messi a disposizione dal PNRR sono parte di un disegno complessivo di informatizzazione in realtà pubbliche e private. Al primo posto, in termini di priorità per i nuovi sviluppi, il discorso delle infrastrutture abilitanti e soprattutto della cybersecurity, che è diventata un’emergenza dopo i fatti recenti. Abbiamo parlato con Antonio Fumagalli, CIO dell’A.S.S.T. Papa Giovanni XXIII di Bergamo per comprendere come si stiano sviluppando queste progettualità legate al PNRR, qual è lo stato dell’arte e quali criticità potrebbero emergere nel breve termine.

Read More

Un percorso efficace per la Security Awareness

Un percorso efficace per la Security Awareness

Quali sono i modi più efficaci per diffondere una cultura della sicurezza in azienda? Come impostare i contenuti, rivolgendoli a gruppi di persone con ruoli diversi in azienda? Sviluppare un programma di Security Awareness di successo è un’arte … Ne parliamo in questa intervista con Raoul Brenna, Manager of Cybersecurity by Design, Vulnerability Management & Cybersecurity Awareness di Fastweb.

Read More

A cosa fare attenzione per una Security Awareness di successo

A cosa fare attenzione per una Security Awareness di successo

Tra le principali sfide della digitalizzazione che le aziende devono oggi affrontare c’è quella di creare una cultura cyber-aware, una sensibilità e una consapevolezza diffusa nell’organizzazione su quelle che sono le possibili conseguenze di un attacco di cybersecurity. Abbiamo affrontato il tema di come strutturare un programma efficace di Security Awareness con Alessio Setaro, Cyber Security Leader presso Leroy Merlin Italia.

Read More

Zero Trust: come avere un approccio efficace

Zero Trust: come avere un approccio efficace

Zero Trust (ZT) è un nuovo approccio di cybersecurity concettualmente semplice ed allo stesso tempo rivoluzionario, basato sul principio “Trust but verify”: serve a mitigare i rischi informatici, a ridurre le superfici d’attacco, a migliorare il controllo su “cosa fanno le persone”, nell’organizzazione e fuori, a semplificare la stessa user experience nell’acceso a risorse e servizi IT. Come è emerso durante il Cybersecurity Summit 2022, organizzato lo scorso 10 marzo a Milano da The Innovation Group, il concetto di ZT è molto evoluto e maturato rispetto alla sua prima concezione, tanto da attirare l’attenzione di un pubblico sempre più ampio. Nel corso del Summit sono intervenuti sul tema Daniele Catteddu, CTO presso la Cloud Security Alliance (CSA), che ha fornito un’introduzione ai principi chiave, discutendo i passaggi chiave per la creazione di una strategia ZT, e Marcello Fausti, CISO di Italiaonline, che ha sottolineato l’importanza di alcuni prerequisiti essenziali nel percorso di adozione di Zero Trust.

Read More

L’Agenda 2022 del CISO: una security responsive ed efficace

L’Agenda 2022 del CISO: una security responsive ed efficace

Nel 2021 abbiamo vissuto un’accelerazione della trasformazione in chiave digitale dei processi aziendali, un incremento del lavoro da remoto e dell’utilizzo di dispositivi mobile e servizi cloud. Tutto questo ha comportato una mutazione e un incremento del rischi cyber, portando le aziende di tutti i settori e dimensioni a riconsiderare la propria Security Posture, per allinearla a nuovi requisiti.

Read More

L’Agenda 2022 del CISO: vantaggi e raccomandazioni per SOAR e XDR

L’Agenda 2022 del CISO: vantaggi e raccomandazioni per SOAR e XDR

Le aziende che puntano a far crescere le proprie capacità di protezione e le Security Operations, sanno che oggi un tema importante è la flessibilità, ossia, poter modificare le priorità sulla base di cambiamenti che investono infrastrutture e processi IT, oltre che nuove vulnerabilità ed evoluzione delle minacce cyber. Il consolidamento continuo nell’ambito delle Security Operation ha portato ad una sempre maggiore integrazione tra i diversi, numerosi, strumenti e ambiti: capacità analitiche e visibilità estesa, correlazione di alert, playbook automatici per la gestione degli incidenti sono aspetti che promettono di ridurre la complessità di gestione della security, aumentarne l’efficacia e ridurne i tempi, adottando una security service automation reale e preventiva con una strategia di orchestration e reaction.

Read More

Realizzare nella pratica la sicurezza delle Supply Chain

Realizzare nella pratica la sicurezza delle Supply Chain

Gestire la sicurezza della supply chain, o delle terze parti, sta diventando la sfida più importante di tutti i tempi. Come abbiamo visto quest’anno, prima con la diffusione in più settore degli attacchi Accellion, SolarWinds, Kaseya, poi con la vulnerabilità della libreria Java Log4j, presente in un’infinità di package software e sistemi collegati a Internet (la CISA americana ha predisposto una lista molto ampia di tutti i prodotti impattati), è chiaro a tutti che la portata del fenomeno è enorme.

Read More

Cyber Resilienza, come ottimizzarne la gestione

Cyber Resilienza, come ottimizzarne la gestione

Negli ultimi anni il tema della Cyber Resilienza è diventato prioritario in aziende di tutte le dimensioni: le organizzazioni di qualsiasi settore e dimensione si interrogano su come approcciare correttamente il rischio cyber. Una tendenza che si osserva sempre di più è la convergenza tra la cybersecurity e la Business Continuity, come emerso anche da una recente indagine del BCI. Abbiamo approfondito questi aspetti in un’intervista con Stefano Scoccianti, Enterprise Risk Manager di Hera.

Read More

Far crescere la supply chain security in ecosistemi connessi

Far crescere la supply chain security in ecosistemi connessi

La debolezza delle supply chain è stata uno dei temi più discussi nel corso del 2021. Il caso SolarWinds, scoperto nel dicembre 2020, ha portato a conoscenza di tutti la capacità degli attaccanti di infiltrarsi nella piattaforma SolarWinds Orion tramite una backdoor e quindi infettare tutti i clienti che avrebbero effettuato il download di aggiornamento del software. Il caso Microsoft Exchange ha comportato invece la scoperta di 4 exploit zero-day che da gennaio 2021 hanno permesso agli hacker di avere pieno accesso a mail e password dei server, alle credenziali con privilegi, ai device collegati alle reti, da riutilizzare per portare a termine ulteriori attacchi.

Read More