GDPR

Sovranità nazionale, dati critici e Big Data: la lezione della pandemia

Sovranità nazionale, dati critici e Big Data: la lezione della pandemia

A cura di: Fabio Lazzini, DPO e CISO Sogei

Negli ultimi anni c’è stato un gran discutere, a livello europeo, sul fenomeno in forte ascesa dei Big Data e sul conseguente potere dei giganti del web che gestiscono, processano e incrociano una gran mole di dati personali ai fini di influenzare l’opinione pubblica. Che si tratti di orientarne i consumi, e di conseguenza i comportamenti, il pericolo per le libertà individuali faticosamente conquistate dopo il secondo conflitto mondiale è balzato agli occhi e all’attenzione dei singoli governi e della Comunità europea.

Read More

Ransomware ai primi posti tra le minacce cyber

Ransomware ai primi posti tra le minacce cyber

Lo scenario delle minacce cyber negli ultimi anni è cambiato moltissimo. È diventato una realtà dinamica con cui i Security Manager devono confrontarsi quotidianamente: secondo i risultati della survey Survey “Cyber Risk Management 2020” (condotta da The Innovation Group tra dicembre 2019 e gennaio 2020 per misurare il livello di maturità della Cybersecurity raggiunto dalle aziende italiane), la situazione è oggi molto preoccupante e complessa da gestire. Le minacce cyber osservate dalle aziende sono numerose, la lista aumenta di anno in anno, e in molti casi gli incidenti informatici subiti in conseguenza di attacchi cyber hanno conseguenze gravi.

Read More

Webinar online, ispezioni sui dati personali

Webinar online, ispezioni sui dati personali

Si moltiplicano in Europa le sanzioni per violazioni al GDPR: in 14 mesi dall’avvio del regolamento siamo arrivati a 371 milioni di euro di sanzioni che hanno colpito gruppi alberghieri, compagnie aeree, ospedali, comuni, banche, piccole aziende. In Italia sono partiti i controlli dal nucleo ispettivo della guardia di finanza e ci dicono molto su quali sono le principali criticità che si incontrano.

Read More

Il fattore umano, anello debole della cybersecurity

Il fattore umano, anello debole della cybersecurity

La continua evoluzione delle minacce cyber rappresenta una delle sfide più importanti per i responsabili della Sicurezza e per la stessa resilienza delle organizzazioni. Uno degli ambiti più esposti e vulnerabili è da sempre quello delle persone. Per evitare incidenti con perdita di dati, e quindi oggi anche problematiche legate alla non-compliance al GDPR, bisogna definire le corrette misure tecniche e organizzative.

Read More

Compliance software: una Metodologia certificata

Compliance software: una Metodologia certificata

La necessità del mercato di maggiori certezze da parte degli sviluppatori del software in merito alle tecniche ed ai requisiti utilizzati per la progettazione e l’esigenza di realizzare prodotti secondo metodologie chiare e dimostrabili sia sotto il profilo dell’accountability che della security e privacy by design hanno dato la spinta a Colin & Partners e Bureau Veritas per mettere a fattor comune esperienze e conoscenze dando vita alla prima metodologia certificata a livello nazionale ed internazionale per la verifica di conformità al GDPR del software.

Read More

Crescono le sanzioni per la non-compliance al GDPR

Crescono le sanzioni per la non-compliance al GDPR

Se a distanza di 1 anno dall’avvio del GDPR, ossia lo scorso giugno 2019, le sanzioni totali commutate in Europa arrivavano a 56 milioni di euro (per un totale di circa 60 provvedimenti), con le 2 multe proposte a luglio dell’autorità inglese per la data protection (ICO UK), pari rispettivamente a 204,6 milioni e 110 milioni (alla compagnia aerea British Airways e alla catena alberghiera Marriott), il conto totale è presto salito.

Read More

Rischio sanzioni GDPR: un Webinar per testare la compliance

Rischio sanzioni GDPR: un Webinar per testare la compliance

Se a distanza di 1 anno dall’avvio del GDPR, ossia lo scorso giugno 2019, le sanzioni totali commutate in Europa arrivavano a 56 milioni di euro (per un totale di circa 60 provvedimenti), con le 2 multe proposte a luglio dell’autorità inglese per la data protection (ICO UK), pari a 204,6 milioni e 110 milioni (rispettivamente alla compagnia aerea British Airways e alla catena alberghiera Marriott), il conto totale è presto salito.

Read More