Blog

Information Security Awareness: istruzioni per l’uso

Information Security Awareness: istruzioni per l’uso

È oramai un fatto acquisito che minacce di sicurezza come APT, Phishing, CEO Fraud e Business Email Compromise hanno un ruolo sempre più centrale negli attacchi moderni. Il phishing è l’adescamento delle persone tramite mail che contengono allegati o link malevoli, che rimandano a pagine web fasulle dove vengono raccolte credenziali di accesso o altre informazioni richieste agli utenti (numero di carta di credito), informazioni che l’attaccante riesce a monetizzare subito, rivendendole nel dark web.

Read More

Affrontare i rischi della Digital Transformation

Affrontare i rischi della Digital Transformation

Lo scorso aprile, Bose, produttore di sistemi audio, è stato accusato di utilizzare l’App “Bose Connect” abbinata alle cuffie audio di fascia alta per spiare i suoi clienti. Bose, come ha riportato la rivista Fortune, avrebbe raccolto informazioni sull’ascolto dei brani dei consumatori senza averne ottenuto il permesso, e soprattutto senza neanche aver reso noto che tutti i dati (relativi al loro consumo di musica, radio broadcast, Podcast, letture), sarebbero stati raccolti grazie all’App e quindi girati a terze parti. Queste, per lo più società di marketing (tra cui una società di San Francisco, la Segment), usavano i dati per creare profili dettagliati sulle preferenze di ascolto di ogni cliente. Ad aprile è stata però avviata un’azione legale, una class action indetta da un cliente (Kyle Zak) che si propone di rappresentare molti altri, che punta a ottenere un rimborso di 5 milioni di dollari. L’App Bose Connect incriminata, pur non essendo indispensabile (le cuffie funzionano anche senza), viene scaricata lasciando informazioni personali come nome e indirizzo di mail e serve a ottimizzare l’utilizzo delle cuffie wireless, oltre che – ovviamente – a raccogliere tutti i dati di consumo audio.

Read More

Automotive Cybersecurity: lo stato dell’arte

Automotive Cybersecurity: lo stato dell’arte

In futuro tutte le auto saranno dotate di connettività Internet. In Europa questo avverrà presto: il sistema di chiamata automatica di emergenza eCall sarà obbligatorio su tutte le nuove auto dal 31 marzo 2018. In caso di incidente dovrà chiamare automaticamente il numero unico di emergenza europeo 112, inviando i dati sul veicolo e sulla posizione esatta. L’obbligo, deciso per le auto private e i veicoli commerciali leggeri, potrebbe anche essere esteso ai mezzi pesanti, pullman turistici compresi. Nelle intenzioni del legislatore, la eCall dovrebbe essere ‘dormiente’ e si attiverebbe solo quando i sensori dell’auto rilevano un incidente o quando l’automobilista l’aziona manualmente. Niente tracciamento dei veicoli, quindi, ma non è difficile immaginare le possibilità commerciali e di marketing date dal sapere dove si trova ogni singolo cliente, e secondo le norme europee, la eCall potrà tranquillamente convivere con servizi di terze parti.

Read More

Cyber threats e vulnerabilità nell’Industria 4.0, tanti problemi che si sommano

Cyber threats e vulnerabilità nell’Industria 4.0, tanti problemi che si sommano

Le vulnerabilità degli ambienti industriali che evolvono in configurazione 4.0, partendo dal classico “Industrial IoT” o SCADA/ICS, sono molteplici. Poiché le architetture sono stratificate, è opportuno adottare un approccio multilivello, che punti a scomporre le problematiche (per capirle meglio) collocandole sul corretto layer di riferimento, e poi a riconsiderarle valutando anche interdipendenze e possibili effetti a catena. La priorità oggi, se vogliamo una reale resilienza delle infrastrutture critiche (ed in generale di Industria 4.0) a livello Paese, è muoversi in fretta, come afferma Raoul Brenna, Responsabile della Practice Information Security & Infrastructures di CEFRIEL- Politecnico di Milano, in questa intervista con TIG, e come spiegherà nel dettaglio durante il Webinar “Cybersecurity e Industria 4.0, Un imperativo: non farsi cogliere impreparati” previsto per il prossimo 14 dicembre 2017.

Read More

Dynamic Cyber Risk Management nella prospettiva ERM nel Gruppo Hera

Dynamic Cyber Risk Management nella prospettiva ERM nel Gruppo Hera

Le priorità di integrazione e omogeneizzazione della gestione dei rischi (Enterprise Risk Management, ERM) si devono confrontare oggi con uno scenario sempre più dinamico e complesso per quanto riguarda la risposta alle minacce cyber. Come rendere quindi il processo di allineamento e integrazione il più possibile dinamico, coerente con una fotografia dello stato di security che è in continua trasformazione? ne abbiamo parlato in questa intervista con Stefano Scoccianti, Enterprise Risk Manager di Gruppo Hera, che ci indica la strada corretta da seguire per ottenere i risultati sostenibili nel tempo.

Read More

IoT Security e consapevolezza delle persone le principali sfide del CISO nel 2018

IoT Security e consapevolezza delle persone le principali sfide del CISO nel 2018

Il ruolo del CISO è in rapida evoluzione: in futuro dovrà far fronte a maggiori rischi informatici e rispondere a molteplici responsabilità, sia per l’accresciuta complessità delle infrastrutture da tenere sotto controllo, sia per l’aggravarsi delle norme, sia per una quantità molto superiore di dati sensibili da gestire come conseguenza della diffusione dell’IoT. Data la rilevanza del tema, ne abbiamo parlato con Mauro Azzini, IT Manager di Guber.

Read More

Cybersecurity, una funzione in rapida trasformazione

Cybersecurity, una funzione in rapida trasformazione

Difficoltà nel far percepire al Board/Top Management le criticità della cybersecurity per il business. Far comprendere che in termini di innovazione, la sicurezza ha oggi un ruolo abilitante, non frenante, può fornire un valore competitivo a patto di averne allineato gli obiettivi con quelli del business. Complessità di gestione ma soprattutto necessità di focalizzarsi maggiormente sul controllo dei comportamenti delle persone.

Sono molti i problemi che i CISO si trovano ad affrontare oggi, e in prospettiva, non sembra che diminuiranno. Piuttosto, se ne aggiungeranno di nuovi. Ne abbiamo parlato in questa intervista con Gianpiero Acerbi, Cyber Security Manager, Barclays Bank.

Read More

Information Security Awareness: come sensibilizzare gli utenti

Information Security Awareness: come sensibilizzare gli utenti

Il rischio cyber è inevitabile e costante: ciò che le aziende devono puntare a fare è creare un’organizzazione resiliente preparando il personale interno, ossia, da un lato sensibilizzando i dipendenti sui temi della sicurezza e dei rischi potenziali, dall’altro lato formando l’IT e i dipendenti che si occupano di sicurezza per allinearli all’evoluzione delle minacce e alle soluzioni di risposta più recenti.

Read More

Come sta cambiando la strategia UE per la Cybersecurity

Come sta cambiando la strategia UE per la Cybersecurity

Ha fatto molto rumore il riconoscimento da parte del Presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, nel suo discorso sullo Stato dell’Unione del 13 settembre scorso, della volontà delle istituzioni di fare di più per rispondere ai Cyber Threats, ricordando che lo scorso anno ci sono stati in Europa oltre 4.000 attacchi ransomware al giorno e l’80% delle aziende europee ha subito almeno un incidente cyber.

Read More

Sicurezza intelligente per gli endpoint della “Generazione cloud”

Sicurezza intelligente per gli endpoint della “Generazione cloud”

Symantec ha annunciato la soluzione endpoint più avanzata e completa ad oggi, capace di riunire tecnologie di deception, Mobile Threat Defense, Endpoint Detection and Response (EDR), consolidamento della sicurezza e protezione intensiva grazie ad un avanzato sistema di Machine Learning. Basata sulla piattaforma Symantec Endpoint Protection (SEP), è la prima soluzione a fornire tutte queste funzionalità integrate in un singolo agente per rispondere alle sfide della Cloud Generation, supportandola nel semplificare e ottimizzare i loro ambienti, ridurre i costi e migliorare la sicurezza.

Read More